<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=2062155644083665&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

Uno sguardo all’universo delle startup italiane nel settore Healthcare

Tra servizi ospedalieri, telemedicina e
assistenza sanitaria, in Italia non mancano le startup in grado di
portare idee innovative nel settore healthcare. 


Proprio per accelerare questo processo
innovazione, la casa farmaceutica Bayer ha creato Grants4Apps Italy, un
portale dedicato alle startup del segmento scienze della vita. 


Abbiamo tre obiettivi - racconta Stefano Beltramolli, responsabile IT Bayer Italia -  Il
primo è avere un osservatorio per fare scounting di startup italiane
che operano nelle life sciences, che possano proporre idee innovative
interessanti per il nostro business. Il secondo è comunicare che Bayer è
un’azienda innovativa. Terzo, creare una vetrina per le imprese
innovative.


Appartengono a diverse categorie della
salute digitale e non mirano solo al guadagno, ma puntano proprio a
rivoluzionare il settore sanitario. Ecco quali sono le startup
innovative che più ci hanno incuriosito: 


  • Neuron Guard – Il collare anti-ictus 


La startup modenese ha sviluppato un
sistema integrato di protezione cerebrale per pazienti colpiti da ictus,
trauma cranico grave o arresto cardiaco. E’ un collare refrigerante che
fa iportemia terapeutica. Non è invasivo ed è collegato a un’unità
esterna che raccoglie, conserva e trasmette i dati clinici del paziente.


  • Heartwatch – L’occhio del cuore 


È un software che permette di rilevare
dati cardiaci inquadrando con una telecamera il volto di una persona.
Dalle sfumature della pelle Heartwatch è in grado di determinare
frequenza cardiaca, frequenza respiratoria e saturazione del sangue.
Heartwatch non diagnostica una malattia, ma fornisce alcuni dati clinici
utili a capire se c’è bisogno di farsi visitare da uno specialista. 


  • Du it – La stanza dei sensi 


La startup toscana sviluppa ambienti
sensoriali terapeutici per persone con disabilità cognitiva. Dunque
stanze in ospedale, case di cura e hospice che si avvalgono di
tecnologie innovative e virtual reality, per trasformare lo spazio sulla
base delle esigenze sensoriali e percettive degli utenti, potenziare
l'apprendimento, garantire salute e benessere. 


  • D-Eye – L’oftalmoscopio sul telefonino


La startup padovana progetta e produce
medical devices connessi allo smartphone che permettono lo screening e
la raccolta di dati per migliorare i servizio diagnostici. Dispone di
una piattaforma cloud che raccoglie ed analizza i dati per fornire
informazioni sullo stato di salute individuale e i trend della
popolazione. 


  • Chino.io – Cyber sicurezza per i dati medici


Chino.io aiuta le aziende nel campo
sanitario ad assicurare il rispetto delle normative sulla protezione dei
dati sensibili e della cyber sicurezza in cloud. Chino.io offre una
piattaforma sicura che permette di salvare e condividere i dati
sensibili assicurando massimi livelli di sicurezza ma allo stesso tempo
facile usabilità, e garantisce il rispetto di tutte le leggi Europee e
US (HIPAA) in materia. 


  • Pharmercure – La farmacia a domicilio 


La startup vuole dare la possibilità al
cliente impossibilitato a recarsi in farmacia di reperire con facilità
un determinato farmaco di cui necessita. Il servizio dedica particolare
attenzione alle persone che seguono terapie continuative ed ai soggetti
anziani, occupandosi di garantire la continua disponibilità al proprio
domicilio di tutti i farmaci di cui necessitano ogni giorno. 


 


Un focus particolare lo vogliamo dedicare ad una starup che è partita da questa riflessione per creare il suo prodotto: “Chi non può né vedere né sentire vive in una condizione di isolamento il tatto è l'unico senso per comunicare con il mondo.” 


dbGLOVE è
un dispositivo indossabile che digitalizza diversi alfabeti esistenti
basati sul tatto, come Malossi e Braille, per consentire alle persone
cieche e sordo-cieche di utilizzare tutte le funzionalità di un
dispositivo mobile, di comunicare con gli altri e di interagire con il
mondo. 


dbGLOVE è due volte più accurato e
veloce dei dispositivi attualmente sul mercato, costa solo un dodicesimo
di un display Braille e ha l’obiettivo di migliorare la vita delle
persone cieche e sordocieche.



New call-to-action