<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=2062155644083665&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

8' di lettura

All'interno delle nostre società superveloci, fluide, efficienti e tecnologiche, i concetti di rallentamento, riposo e relax stanno perdendo sempre più terreno in termini di priorità e considerazione da parte di molti. Siamo spinti a sovra-performare, spesso a discapito dei naturali ritmi biologici che abbiamo innati - o comunque cercando continue scorciatoie verso successo e/o traguardi.

Proprio per questo motivo, come tutti gli anni il venerdì prima dell’equinozio di primavera (quest'anno, dunque, Venerdì 18 Marzo) si celebrerà la Giornata Mondiale del Sonno, un'iniziativa nata negli Stati Uniti nel 2008 grazie alla World Sleep Society e oggi diffusa in oltre 90 Paesi in tutto il mondo.

Ma perché serve dedicare una giornata a questo tema? Scopriamo insieme perché dormire è così importante e come si rende utile al nostro corpo ogni giorno in questo articolo!

1    Perché è importante il sonno
2    Gli effetti negativi della mancanza di sonno
3    Il sonno a livello neurologico e cognitivo
4    Il sonno a livello di metabolismo
5    Il sonno a livello cardiocircolatorio
6    La qualità del sonno in Italia

 

 

Giornata-mondiale-sonno.005-1

 

 

1. Perché è importante il sonno

Dormire ha innumerevoli benefici. Questo atto così semplice, ma spesso sottovalutato, è una vera e propria medicina per rimettere in sesto tantissimi meccanismi biologici umani.

Il sonno migliora la nostra capacità d’imparare e prendere decisioni, ricalibra le emozioni, consolida la memoria, controlla le infiammazioni, regola gli ormoni, rimette in sesto il sistema immunitario, regola l’appetito, ... e molto altro.

Come scrive Matthew Walker, professore di neuroscienze e psicologia a Berkeley, direttore del "Center for Human Sleep Sciencee autore del libro bestseller Perché dormiamo. Poteri e segreti del sonno per una vita sana e felice"

 

“dormire è la cosa migliore che possiamo fare per far ripartire da zero ogni giorno il corpo e la mente, è lo sforzo più efficace di Madre Natura per contrastare la morte".

 

In età pediatrica, il sonno gioca un ruolo fondamentale sullo sviluppo neuro-cognitivo e sull’accrescimento dei bambini. Una privazione di questo momento induce alla generazione di problematiche e allo sviluppo di vere e proprie patologie sul lungo termine.

 

ihealthyou-community-salute

 

 

2. Gli effetti negativi della mancanza di sonno

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che dormire abitualmente meno di sei o sette ore per notte scatena numerose reazioni negative sul lungo periodo all'interno del nostro corpo, tra cui:

  • distrugge il sistema immunitario e aumenta di oltre il doppio il rischio di ammalarsi di cancro;

  • contribuisce a sviluppare l’Alzheimer;

  • altera i livelli di glucosio nel sangue tanto da indurre ad una condizione pre-diabetica;

  • le arterie coronarie avranno maggiori probabilità di ostruirsi e indebolirsi aumentando la possibilità di sviluppare disturbi cardiovascolari, ictus e scompensi cardiaci;

  • contribuisce a sviluppare tutti i principali disturbi psichiatrici, comprese la depressione, l’ansia e le tendenze suicide.

 

Per tutte queste ragioni, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha dichiarato un’epidemia di mancanza del sonno in tutti i paesi industrializzati e numerosi scienziati hanno iniziato a fare pressione sui medici perché inizino a "prescrivere" ore di sonno. 

Vediamo nel dettaglio i principali effetti generati da un sonno insufficiente.

 

giornata-mondiale-del-sonno-1

 

 

 

3. Il sonno a livello neurologico e cognitivo

Numerose osservazioni scientifiche hanno dimostrato che soggetti privati di sonno perdono significativamente le proprie capacità di concentrazione, comprensione, reazione e memoria. Le alterazioni sono importanti, tanto che si ritiene che guidare un veicolo mentre si è in uno stato di deprivazione di sonno porta con sé gli stessi rischi di mettersi al volante dopo aver bevuto alcolici.

Una ricerca del Journal of Experimental Psychology ha dimostrato una diretta correlazione tra capacità di seguire procedure complesse e stato di riposo dei soggetti. Nello studio, i soggetti deprivati di sonno ottenevano punteggi assolutamente peggiori rispetto a soggetti con quantità di sonno sufficiente, a pari altre condizioni.

Il sonno influisce direttamente anche sull'umore e, complessivamente, le funzioni neuro-cognitive sono le prime a subire effetti negativi quando si verifica una privazione di sonno

 

Giornata-mondiale-sonno.001

.

 

4. Il sonno a livello di metabolismo

Gli impatti a livello metabolico della deprivazione di sonno sono numerosi e pericolosi, specie nelle più tenere età.

A partire da una diminuzione dell'ormone della crescita tra i più piccoli, la deprivazione di sonno genera un aumento di cortisolo, l'ormone dello "stress" che influenza appetito e meccanismi regolatori dei grassi corporei, oltre - tra gli altri - ad aumentare i livelli di insulina nel sangue.

Chi dorme di meno ingrassa a causa dello squilibrio ormonale generato che coinvolge, oltre al cortisolo, altri due ormoni molto importanti come la grelina, che si alza ed è deputato a stimolare l'appetito, e la leptina, che si abbassa ed è responsabile delle comunicazioni al cervello sul corretto quantitativo di cibo da consumare.

La deprivazione di sonno può dunque portare a sviluppare sindrome metabolicaobesità, diabete e ipertensione

 

Entra nella community La Salute con Ihealthyou!

 

 

5. Il sonno a livello cardiocircolatorio

Oltre all'ipertensione, a livello cardiocircolatorio sono numerose le problematiche legate alla deprivazione di sonno. Tra queste citiamo la calcificazione delle arterie coronariche e la possibilità di insorgenza di infarti e ictus. In un recente studio, tra gli insonni è più comune il verificarsi di mortalità cardiovascolare e/o un primo ricovero per scompenso cardiaco.

 

Giornata-mondiale-sonno.003

 

 

6. La qualità del sonno in Italia

Al giorno d'oggi, due terzi degli adulti che vivono in Paesi sviluppati non raggiungono le otto ore di sonno notturno e questo porta a numerose problematiche di salute. In Italia, la popolazione dorme in media 6,7 ore a notte mentre nel weekend la media si alza leggermente a 7,3 ore.

Il Covid-19 ha influito negativamente su questi numeri: il 61% degli italiani ha dichiarato che il COVID-19 ha contributo ad aumentare il livello di stress; mentre il 70% ha riscontrato maggiori problemi legati alla qualità del sonno

Questi dati sono insufficienti e testimoniano una cultura diffusa sbagliata intorno a questo tema così importante a livello di salute.

 

 

Allora cosa aspetti? Inizia a prenderti cura del tuo benessere e della tua salute dedicando il giusto tempo ad un'attività importante: dormire!!!

Ad esempio il prossimo 18 Marzo puoi partecipare alla "Maratona del sonno" organizzata da AIMS (Associazione Italiana di Medicina del Sonno), un evento digitale (gratuito) aperto a tutti per sensibilizzare ulteriormente sull'importanza del sonno. 


Potrebbe interessarti anche

Leggi ora
News

5 bei film sul disturbo bipolare

Ihealthyou Redazione   |     15 ago 2022
Leggi ora
News

Omicron 5: che estate ci aspetta?

Ihealthyou Redazione   |     12 lug 2022
Leggi ora
News

14 giugno: la Giornata Mondiale del Donatore di sangue

Ihealthyou Redazione   |     14 giu 2022
Leggi ora
News

Il limone fa bene in caso di gastrite

Ihealthyou Redazione   |     01 giu 2022

New call-to-action