5' Lettura

L’AIDS (Acquired Immunodeficiency Syndrome) è una fase avanzata dell’infezione da HIV (Human Immunodeficiency Virus), in cui si verifica un deterioramento delle difese immunitarie. 

Negli anni ‘80 e ‘90,  insieme alla diffusione della malattia, si sono sviluppati anche numerosi pregiudizi e discriminazioni nei confronti della comunità LGBTQ+ e dei tossicodipendenti, che venivano erroneamente considerati come le uniche categorie a contrarre il virus. A causa della limitata conoscenza sulla trasmissione dell’HIV, le persone sieropositive, infatti, erano spesso emarginate e soggette a isolamento sociale

Nel corso degli anni, sono stati prodotti diversi film che mirano a sfatare tali pregiudizi e sensibilizzare circa la realtà di coloro che convivono con  condizione. Attraverso le storie dei personaggi, i film offrono una prospettiva umana sull’AIDS, promuovendo l’empatia, la consapevolezza e la comprensione. 

Ecco i film di cui tratteremo in questo articolo

  1. Che mi dici di Willy? (1990)
  2. Philadelphia (1993)
  3. Kids (1995)
  4. A proposito di donne (1995)
  5. Amici per sempre (1995)
  6. Rent (2005)
  7. I testimoni (2007)
  8. Dallas Buyers Club (2013)
  9. The normal heart (2014)
  10. 120 battiti al minuto (2017)
  11. Bonus serie tv: POSE (2018) 

 

Close up referto positivo per infezione HIV

 

1. Che mi dici di Willy? (1990)

Il film “Che mi dici di Willy?” è considerato la prima grande produzione cinematografica sullAIDS, distribuita a livello globale. La trama segue le vite di 8 amici omosessuali, tra New York e San Francisco negli anni ‘80, nel pieno della diffusione dell’epidemia che si credeva inizialmente colpire solo una minoranza omosessuale e per questo definita: “cancro dei gay”. Il film affronta la discriminazione iniziale e la loro lotta per  sopravvivere, con la speranza di essere presenti al momento della scoperta di una cura.

 

2. Philadelphia (1993)

Il film “Philadelphia” racconta la battaglia legale di Andrew Beckett, un avvocato omosessuale e sieropositivo, contro il suo studio legale che lo licenzia sotto la falsa motivazione della sua inefficienza. La realtà dei fatti è che i colleghi non riuscivano ad accettare la sessualità di Andrew e il fatto che fosse affetto da una malattia allora incurabile, caratterizzata nel suo caso anche da evidenti lesioni cutanee. Il film affronta il tema delle discriminazioni, dei pregiudizi e dei diritti del malato, offrendo un’importante riflessione sulla lotta contro l’AIDS e sulla ricerca della giustizia.

 

Close up martelletto tribunale come metafora senso di giustizia

 

3. Kids (1995)

Il film “Kids” segue le vite di un gruppo di adolescenti che crescono nella periferia di New York, esplorando la loro realtà caratterizzata dall’uso di droghe e rapporti sessuali non protetti. Il film mostra le conseguenze tragiche della diffusione dell’HIV tra i ragazzi, che non sono consapevoli della gravità della situazione e affrontano le durissime implicazioni dell’essere sieropositivi. Il film offre una visione cruda e realistica della vita dei giovani e della diffusione dell’AIDS negli anni ‘90

 

4. A proposito di donne (1995)

Il film “A proposito di donne” offre una prospettiva inedita sull’AIDS, focalizzandosi sulle donne anziché proporre il punto di vista maschile omosessuale. La trama segue l’amicizia di tre donne molto diverse tra loro, che si confrontano con la scoperta dell’AIDS e affrontano i pregiudizi associati alla malattia. Il film esplora le sfide personali e sociali delle donne coinvolte e offre un’importante riflessione sulla discriminazione e sulla forza dell’amicizia. 

 

5. Amici per sempre (1995)

Il film “Amici per sempre” racconta la storia di due amici dodicenni che intraprendono un viaggio verso New Orleans, la città dove si stanno conducendo le prime sperimentazioni per la cura dell’AIDS. Uno dei due ragazzi è affetto dalla malattia e la loro missione è trovare una cura per lui. Nel corso del viaggio, affrontano sfide emotive e fisiche, imparano l’importanza dell’amicizia e scoprono la forza e la resilienza necessarie per affrontare l’AIDS. 

 

6. Rent (2005)

Il film “Rent” è un adattamento cinematografico del famoso musical di Broadway. La trama segue un gruppo di giovani artisti bohémien che affrontano le sfide della vita, come le difficoltà economiche, l’incertezza sul futuro, l’uso di droghe e la loro sessualità, mentre vivono nell’ombra dell’AIDS. Nonostante le avversità, i giovani trovano nell’espressione artistica una fonte di energia e creatività. Il film affronta temi di resilienza, amicizia e quello di trovare la bellezza anche nelle circostanze più difficili. 

 

Close up mani che si scambiano profilattico

 

7. I testimoni (2007)

Il film “I testimoni” segue la storia di un giovane ragazzo borghese che si trasferisce a Parigi negli anni anni ‘80. Mentre si immerge nella vivace cultura della città, il protagonista si trova ad affrontare l'emergente e ancora poco conosciuto virus dell’HIV.Il film esplora le conseguenze dell’AIDS sulla vita del protagonista e delinea le prime scoperte scientifiche e gli studi relativi alla malattia

Nonostante la ricerca abbia fatto numerosi progressi, l’AIDS può avere ancora gravi conseguenze, per scoprire i metodi per rilevare la presenza del virus in modo autonomo ti consigliamo la lettura del nostro articolo: “Autotest HIV: scopri come testarti comodamente a casa”.

 

8. Dallas Buyers Club (2013)

Il film “Dallas Buyers Club” è basato sulla storia vera di Ron Woodroof, un imprenditore affetto da sieropositività e AIDS. Dopo aver ricevuto una prognosi di soli 30 giorni di vita, Woodroof rifiuta di accettare la sua condanna e intraprende una ricerca personale sui farmaci e le terapie disponibili per la cura della malattia. Questo lo porterà a sfidare la comunità scientifica e a importare una proteina dal Messico, avviando il “club degli acquirenti” in collaborazione con una ragazza transgender. Grazie alla sua tenacia, Woodroof riesce a sopravvivere per ulteriori 7 anni assumendo questa proteina. Il film illustra la lotta per la sopravvivenza e la sua sfida al sistema medico convenzionale

 

9. The normal heart (2014)

Il film “The normal heart” è l’adattamento cinematografico dell’omonima pièce teatrale. Il film segue la storia di Ned Weeks, uno scrittore e attivista gay che all’inizio negli anni ‘80 si batte per far conoscere la diffusione dell’AIDS nella comunità omosessuale e per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla malattia. Ned fonda la linea di supporto Gay Men Health’s Crisis per assistere le persone sieropositive e lottare contro la discriminazione. Il film offre uno sguardo intenso sulle lotte personali e sociali legate all’AIDS e all’attivismo durante quel periodo cruciale. 

 

Close up fiocco rosso AIDS

 

10. 120 battiti al minuto (2017)

Il film “120 battiti al minuto” segue le vicende di due attivisti omosessuali negli anni ‘90, che decidono di unirsi ad un’associazione chiamata Act Up, il cui obiettivo principale è eliminare il pregiudizio diffuso che considera il virus dell’HIV come un problema limitato alla comunità omosessuale o ai tossicodipendenti. Il film racconta le lotte sociali dell’epoca e il loro impegno pacifico per attirare l’attenzione sul problema e aumentare la consapevolezza sull’AIDS, offrendo un ritratto dell’attivismo e delle battaglie per i diritti LGBTQ+.

 

11. Bonus serie tv: POSE (2018) 

La serie tv “POSE” si immerge nella subcultura delle ballroom di New York, famose per creare un forte senso di identità e famiglia per la comunità LGBTQ+. Tramite un cast inclusivo e rappresentativo, con una maggioranza di attori transgender e non bianchi, la serie esplora le vite di persone provenienti da classi sociali disagiate. Attraverso le loro storie, “POSE” getta luce sulle discriminazioni, lo stigma e la diffusione dell’AIDS. Tuttavia, i protagonisti trovano forza nelle competizioni di ballo, con lo stile iconico del voguing e le sfilate dai look iconici, che offrono possibilità di riscatto e acclamazione nella comunità queer


Ihealthyou Redazione
Autore

Ihealthyou Redazione

Redazione rappresenta il team di ihealthyou. Gli articoli scritti da redazione sono verificati da esperti del settore medicale.