<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=2062155644083665&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

4' di lettura

Se pensiamo alla cucina italiana e a tutte le ricette tradizionali e non, di qualsiasi regione, tra gli ingredienti principali compare quasi sempre lui: il pomodoro.

Ha luce propria, maestà benigna

 

Così lo descrive Pablo Neruda nella sua poesia "Ode al pomodoro" del 1954. Il pomodoro è senza dubbio il re della dieta mediterranea ed è uno dei simboli dell’Italia. L'ode del poeta iberico infatti ne sottolinea le virtù e i benefici. Sono molte le immagini che si formano nella mente quando pensiamo a questo frutto: il colore rosso della nostra bandiera, la pizza e la pasta. 

Non a caso il pomodoro è proprio uno dei protagonisti indiscussi nelle cucine delle nostre case, sempre presente sulla tavola di noi italiani. Crudo, cotto, gratinato, mangiato da solo o nell'insalata, utilizzato come sugo per primi piatti o per inzuppare le polpe, come base per la pizza, da consumare ripieno come antipasto o come accompagnatore di qualsiasi piatto, è quasi una certezza nella nostra tradizione culinaria. 

Scopriamo insieme perché non dovrebbe mai mancare sulla nostra tavola e quali sono le caratteristiche e i benefici di questo frutto che lo rendono così importante. In questo articolo parleremo di:

 

Il tema dell'alimentazione e del benessere ti interessa? Vuoi scoprire queste e altre curiosità? Clicca sul link ed entra a far parte della nostra community su Facebook! In ABC salute scoprirai consigli, curiosità e approfondimenti insieme ai nostri esperti! 

 

Entra a far parte della community ABC salute! 

 

Il pomodoro pachino: conosciamolo meglio

Considerato un frutto, sebbene da un punto di vista nutrizionale sia povero di zuccheri e assimilabile alle verdure, il pomodoro con il suo 94% di acqua è un'ottima "verdura" da inserire nei piani alimentari. 

Rispettando la stagionalità dovremmo mangiarlo da giugno a settembre e al massimo consumare le conserve nei restanti periodi dell'anno, ma sappiamo che questo alimento si trova al supermercato (ma anche al mercato) tutto l'anno. 

Da dove arriva il pomodoro? È stato portato in Europa insieme alle patate ed inizialmente venne utilizzato solo come ornamento dei giardini dei nobili del vecchio continente. Negli anni a cavallo del '700 una grande percentuale di europei temeva che il pomodoro fosse velenoso poiché gli aristocratici si ammalavano e morivano dopo averlo mangiato.

Perché? Nessuna paura, il pomodoro è un frutto del tutto innocuo, tuttavia non si poteva dire lo stesso dei piatti utilizzati, infatti, il piombo veniva assorbito dal pomodoro che di conseguenza veniva successivamente accusato provocare la morte per avvelenamento dei commensali. 

IHY_articolo_pomodoro-pachino.001

 

Esistono molteplici varietà di pomodoro. In Italia il primo a diffondersi fu il pomodoro "insalataro", tipicamente verde-rosso e di grandi dimensioni. Solo nell'Italia meridionale si mangiavano anche i pomodori detti da "serbo", ovvero pomodori di piccole dimensioni a grappolo che venivano appesi al riparo dalle intemperie e conservati per consumarli successivamente nei periodi invernali. 

Da sempre considerati simbolo di italianità, i pomodori Pachino sono stati introdotti nel nostro Paese da un'azienda israeliana che ha portato una varietà in grado di mantenere le qualità organolettiche e fisiche per un periodo di due-tre settimane dopo la raccolta (Pachino). La differenza è proprio questa: il classico pomodoro insalataro deve essere raccolto prima che cambi colore, dal verde al rosso per potersi conservare per un periodo di tempo così lungo. 

Un difetto? I pomodori Pachino sono ibridi e pertanto non possono essere piantati sul balcone di casa per gustarne la versione home-made, ma dovrete acquistarne i semi dalla casa produttrice ogni anno, esattamente come fanno gli agricoltori italiani.  

Il pomodoro: caratteristiche e proprietà 

Associato tipicamente al periodo estivo, è una "verdura" se così vogliamo chiamarla, presente tutto l'anno, nonostante sarebbe meglio consumarlo nel suo periodo di stagione, da maggio a settembre.

Il pomodoro contiene molteplici sostanze salutari: è povero di zuccheri, è ricco di sali minerali, vitamina C e potassio, tutti elementi alla base di una sana alimentazione. 

Nello specifico, il pomodoro pachino è ricco di nutrienti come potassio, appunto, betacarotene, un potente antiossidante, fosforo, vitamina C e K e Licopene, contenuto soprattutto nella buccia. È proprio questo nutriente a donarne la tipica colorazione. Entrando nel dettaglio, il pomodoro pachino, come tutti gli altri pomodori, sono così composti:

  • 94% di acqua, che lo rende un alimento dissetante, soprattutto durante la stagione estiva;
  • 1% di proteine;
  • 2% di fibre;
  • 0,2% di grassi
  • 2,8% di carboidrati, in particolare glucosio e fruttosio che lo rendono portatore di energia a consumo immediato.

Benefici per la salute: quali sono

Il pomodoro, propio grazie ai suoi nutrienti, comporta molteplici benefici per la saluta se assunto nelle giuste quantità e associato ad una dieta corretta. Tra i benefici principali possiamo considerare:

  • Combatte l'invecchiamento grazie agli antiossidanti come Vitamina C, Beta-carotene e licopene;
  • Protegge dai tumori grazie alle sostanze antiossidanti, consumare regolarmente questo frutto diminuisce il rischio di cancro e svolge un'azione preventiva;
  • Riduce la pressione arteriosa grazie al potassio che regola e agisce da vasodilatatore, il pomodoro aiuta chi soffre di pressione alta;
  • Aiuta la salute delle ossa, infatti i pomodori contengono sostanze utili per rinforzare le ossa, come calcio e vitamina K;
  • Protegge la vista grazie a sostanze quali la luteina e la zeaxantina che aiutano a proteggere gli occhi dalle radiazioni e a prevenire la vista;
  • Contrasta i crampi muscolari grazie al potassio contenuto nel pomodoro si è in grado di prevenire la comparsa di questi disturbi;
  • Stimola la diuresi, infatti il pomodoro favorisce il drenaggio dei liquidi del nostro corpo poiché è costituito dalla maggior parte da acqua e potassio;
  • Favorisce la digestione in quanto è caratterizzato da fibre, che aiutano il processo digestivo del nostro organismo;
  • Riduce gli effetti dell'artrite e delle patologie cardiovascolari grazie alla vitamina C e sali minerali come il potassio.

Se vuoi scoprire queste e altre curiosità, clicca sul bottone qui sotto ed entra a far parte della nostra community sull'alimentazione!

Entra a far parte della community ABC salute! 

 


iscrizione-community-ihealthyou-facebook