7' di lettura

La stomia è un’apertura creata chirurgicamente che consente l'esternalizzazione di alcune funzioni corporee qualora alcuni organi o apparati non riescano più a completare internamente la loro funzione.

Viene creata quando è necessario deviare, temporaneamente o permanentemente, il normale transito del cibo e/o l'eliminazione delle feci o dell’urina.

Quando la problematica che ha portato alla stomia è risolta, si procede alla ricanalizzazione, quindi alla chiusura della stomia e quindi al ripristino dell'intestino.

In questo articolo approfondiremo:

1    Cos'è la ricanalizzazione della stomia
2    Quando viene eseguita la ricanalizzazione
3    I rischi e le complicanze della ricanalizzazione
4    Cosa si può mangiare dopo la ricanalizzazione

 

Se desideri confrontarti con medici e altre persone interessate ai temi della prevenzione e della salute unisciti al gruppo Facebook "La Salute con Ihealthyou".
Clicca il bottone qui sotto!

ihealthyou-community-salute

 

1. Cosa è la ricanalizzazione della stomia

La ricanalizzazione della stomia è in effetti la sua chiusura tramite la connessione dei due monconi intestinali. Viene così ristabilita la fisiologia dell’apparato che riprende la sua funzionalità interna, mentre esternamente viene suturato l’orifizio da cui fuoriuscivano i liquidi biologici che vi erano stati deviati. Si tratta di una procedura che venne descritta già all’inizio del 1900. Le patologie che più frequentemente portano alla necessità di aprire chirurgicamente una stomia sono il cancro al colon-retto, infezioni intestinali, traumi e ostruzioni intestinali.

 

2. Quando viene eseguita la ricanalizzazione

L’intervento di ricanalizzazione viene fatto quando è avvenuta la risoluzione completa del processo infiammatorio che ha portato alla stomia o la cicatrizzazione della sutura dell’intervento chirurgico. Solitamente la ricanalizzazione viene fatta almeno 3 mesi dopo l’intervento, al fine di aspettare la completa cicatrizzazione delle porzioni di intestino operate.
Prima di effettuare la ricanalizzazione, si procede ad un accurato esame clinico e viene consigliato un RX addome (una "lastra ai raggi X") con mezzo di contrasto (liquido che consente al radiologo di meglio vedere l'intestino), solitamente iniettato per via rettale. Quest’ultima è una tipologia di radiografia del colon e del retto che, grazie al mezzo di contrasto e dell’aria che viene introdotta, rende un’immagine completa dell’apparato.
È infatti fondamentale accertare che la patologia sottostante si sia risolta prima di chiudere la stomia e, poiché spesso l’operazione avviene in seguito alla diagnosi di cancro o infarto intestinale, vengono generalmente prescritte anche altre tipologie di esami: TC addome, con Risonanza Magnetica pelvica o con PET-TC.

 

Ricanalizzazione-stomia-rx.001

 

 

3. I rischi e le complicanze della ricanalizzazione

La complicanza più grave della ricanalizzazione della stomia è l’occlusione intestinale, ovvero la possibilità che, andando a ristabilire il collegamento interno dell’intestino, la funzionalità resti compromessa e si blocchi il transito. Questo potrebbe comportare la necessità di un ulteriore intervento chirurgico.

 

4. Cosa si può mangiare dopo la ricanalizzazione

In seguito alla ricanalizzazione viene indicata una dieta che possa mantenere a riposo l’intestino per alcuni mesi. Il regime alimentare dovrà seguire varie fasi che avranno durata più o meno lunga in base alle condizioni individuali del paziente:

  • digiuno;
  • reintroduzione dei liquidi;
  • dieta semiliquida;
  • dieta leggera.

Inoltre, per alcuni mesi il paziente dovrà evitare:

  • grassi;
  • fritti;
  • alcolici;
  • latticini.

In ogni caso, si consiglia sempre di seguire il parere del curante.

 

Fonti
1    Burch J. Constipation and flatulence management for stoma patients. Br J Community Nurs. 2007;12(10):449–452.
2    Ferreira-Umpierrez A, Fort-Fort Z. Experiences of family members of patients with colostomies and expectations about professional intervention. Rev Lat Am Enfermagem. 2014;22(2):241–247.
3    Tilney HS, Sains PS, Lovegrove RE e al. Comparison of outcomes following ileostomy versus colostomy for defunctioning colorectal anastomoses. World J Surg 2007; 31(5): 1143-52.
4    Hsieh MC, Kuo LT, Chi CC, Huang WS, Chin CC. Pursestring Closure versus Conventional Primary Closure Following Stoma Reversal to Reduce Surgical Site Infection Rate: A Meta-analysis of Randomized Controlled Trials. Dis Colon Rectum. 2015 Aug;58(8):808-15. doi: 10.1097/DCR.0000000000000401. PMID: 26163961.
5    Colonstomy Reversal, NHS 2016
6    Akbulut G. Nutrition in stoma patients: a practical view of dietary therapy. Int J Hematol Oncol. 2011;21(1):61–66.
7    Carr ND, Kini US. Hartmann's procedure. J R Soc Med. 1994 Nov;87(11):719. PMID: 20894942; PMCID: PMC1294954.

Chiara Mossali
Autore

Chiara Mossali

Medical writer e consulente in ambito healthcare. Laureata in Biotecnologie. Esperienza nell’ambito della ricerca di laboratorio e nella ricerca clinica. Da circa 10 anni mi occupo di comunicazione e consulenza nel settore healthcare curando progetti e contenuti per medici e pazienti.