5' Lettura

Per alleviare i sintomi più spiacevoli dell’esofagite sono disponibili molti farmaci, sia da banco che da prescrizione medica, ma è possibile trovare sollievo anche ricorrendo ai rimedi naturali.

Se il bruciore e il dolore nella deglutizione ti danno il tormento, nell’articolo trovi tante informazioni utili su come affrontare i disturbi dell’esofagite e stare subito meglio

Indice

  1. Misure generali per alleviare i sintomi dell’asofagite
    1. Alimentazione
    2. Regole di comportamento
  2. Rimedi naturali per alleviare i sintomi dell’esofagite
  3. Farmaci per trattare l’esofagite

Esofagite-rimedi1. Misure generali per alleviare i sintomi dell’esofagite

Le misure e i trattamenti per la gestione dei sintomi dell’esofagite dipendono in parte dalle sue cause. In linea di massima si possono riassumere in: farmaci all’occorrenza, aggiustamenti nella dieta, piccole regole di comportamento ed evitamento di tutto ciò che causa o aggrava l’infiammazione dell’esofago. 

1.1 Alimentazione

Per quanto riguarda l’alimentazione, consigli generali includono:

  • seguire una dieta semiliquida o cremosa nella fase più acuta dei sintomi, in modo da dare il tempo all’esofago di guarire;
  • fare diversi piccoli pasti distribuiti nell’arco della giornata, anziché 2-3 pesanti;
  • mangiare con calma masticando bene ogni boccone prima di deglutirlo;
  • evitare alimenti e bevande irritanti o indigesti, ad esempio: cibi speziati o troppo grassi e unti, bibite gassate, cioccolato e bevande alcoliche, cibi acidi o aromatizzati alla menta;
  • in caso di conclamate allergie alimentari evitare l’assunzione dei cibi contenenti gli allergeni;
  • evitare di mangiare poco prima di andare a dormire. L’ideale è cenare 2-3 ore prima di coricarsi;
  • dimagrire in caso di sovrappeso e obesità.

1.1 Regole di comportamento

Regole di comportamento utili in caso di esofagite sono:

  • non fumare, perché il fumo irrita le pareti interne del tubo digerente, e quindi dell’esofago;
  • a letto tenere la testa sollevata di 15-20 cm. A tal fine è sconsigliato usare più cuscini uno sopra l’altro, mentre è preferibile sollevare direttamente il materasso con supporti rigidi;
  • assumere le medicine con abbondante acqua, comunque mai a stomaco vuoto e mai a letto o immediatamente prima di coricarsi;
  • se l’esofagite è causata dai farmaci, è essenziale rivalutare la terapia con il team medico di riferimento in modo da trovare valide sostituzioni che non abbiano effetti irritativi.1,2,3
tisane-per-esofagite 

2. Rimedi naturali per alleviare i sintomi dell’esofagite

Sono tanti i rimedi naturali utili a dare sollievo dai sintomi dell’esofagite anche in fase acuta. Si tratta di bevande, erbe e alimenti le cui note proprietà curative e sfiammanti sono in grado di alleviare il bruciore, il dolore e le difficoltà digestive che si associano all’esofagite.  Tra gli altri:

  • camomilla sotto forma di tisana, perché ha un effetto calmante sull’apparato digerente e allevia spasmi e disfagia;
  • liquirizia, da assumere nella forma deglicirrizinata (FGL) in pillole, che protegge e ripara la mucosa interne dell’esofago e favorisce la digestione;
  • aloe vera in succo o gel, per l’azione anti bruciore, antinfiammatoria e cicatrizzante della mucosa esofagea;
  • zenzero, sia la radice in purezza, che sotto forma di tisana, per l’azione anti bruciore, anti nausea e digestiva;
  • papaya e banane, frutti che aiutano la digestione, calmano il bruciore e l’infiammazione;
  • miele, per le proprietà antimicrobiche in caso di esofagite infettiva, e lenitive sulla mucosa infiammata;
  • radici di altea, un estratto erboristico in grado di alleviare i sintomi dell’esofagite e del reflusso esofageo e di proteggere il tubo digerente;
  • D-limonene, olio essenziale di arancia, da diluire nel miele per un effetto anti bruciore e anti reflusso esofageo.3,4,5

3. Farmaci per trattare l’esofagite

In prima linea nel trattamento dei sintomi dell’esofagite troviamo i farmaci. Si tratta di medicinali che agiscono sulle cause dell’infiammazione e che pertanto vanno prescritto sulla base di queste. 

Ecco una panoramica generale:

  • antiacidi da banco, come quelli a base di alginato di sodio, per alleviare il bruciore e l’iperacidità gastrica in caso di reflusso. Si tratta di medicinali che possono avere effetti avversi a lungo andare, pertanto occorre assumerli con prudenza per un tempo limitato;
  • gastroprotettori come gli antagonisti dei recettori H2 dell’istamina o gli inibitori della pompa protonica (PPI), da assumere rispettivamente due volte e una al giorno in caso sempre di esofagite da reflusso;
  • corticosteroidi per il trattamento dell’esofagite allergica o eosinofila cronica immuno-mediata;
  • terapia biologica con anticorpi monoclonali (dupilumab) in caso di esofagite eosinofila cronica severa;
  • antibiotici, antimicotici o antivirali in caso di esofagite infettiva causata da batteri, funghi tra cui la Candida albicans, o virus tra cui l’herpes simplex e il citomegalovirus;
  • farmaci con effetto analgesico e calmante a base di lidocaina o altro oppioide possono essere necessari per alleviare i sintomi delle ulcere esofagee causate dall’infiammazione cronica.1,2,3

Fonti

  1. Antunes C, Sharma A. Esophagitis. [Updated 2023 Aug 7]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2024 Jan-. Available from: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK442012/
  2. My Health Alberta, Esophagitis: Care Instructions
  3. WebMD, Esophagitis: Management and Treatment 
  4. Very Well Health, Home Remedies for Acid Reflux Relief 
  5. Harvard Health Publishing, Herbal remedies for heartburn

Dott.ssa Paola Perria
Autore

Dott.ssa Paola Perria

Giornalista e medical writer, si occupa, da oltre dieci anni, di contenuti divulgativi per il web focalizzati su sanità, alimentazione, stile di vita e benessere con un taglio inclusivo.