<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=2062155644083665&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

7" di lettura

Il rientro dalle vacanze può essere duro. Ancora più duro se abbiamo messo su qualche chiletto fastidioso per gli stravizi di Natale: pandori, panettoni, dolci, spumante, cotechino, pasta ripiena e tanti altri prodotti tradizionali ed originali.

"Dal 1 gennaio mi metto a dieta!". Quante volte lo abbiamo ripetuto?

Il colesterolo non è però l'unico nemico da temere: anche le diffusissime diete-fai-da-te comportano forti rischi per la salute. Quali? Il team di Ihealthyou è pronto a illustrarveli e darvi consigli utili.

1. Le diete dimagranti veloci e punitive provocano l'effetto yo-yo

2. Le diete monotone e povere danneggiano il tuo aspetto esteriore

3. Le diete fai-da-te rallentano il metabolismo 

4. Le diete fai-da-te danneggiano la salute fisica e mentale

5. Il rischio "Dieting", ovvero la dipendenza da dieta

6. Come tornare in forma dopo le vacanze in modo sano

Conosci già la nostra community di Facebook "La salute con Ihealthyou" 😀? È il luogo ideale per discutere, condividere e informarti. Clicca sul bottone qui sotto per entrare a farne parte!
 
Unisci alla nostra community su Facebook!
 

1. Le diete dimagranti veloci e punitive provocano l'effetto yo-yo

 
Le diete fai-da-te si somigliano un po' tutte tra di loro: molte verdure, poca frutta, qualche proteina e zero carboidrati. Non molto emozionante, vero? 
Un altro elemento che condividono tutte è quello di promettere risultati immediati o perdite di peso strabilianti: dieci chili in un mese, quindici, venti chili in tre mesi. 
 
Le diete fai-da-te, in effetti, possono garantire risultati importanti in tempi ristretti: ma fanno davvero bene? E durano a lungo? Tra i rischi classici di una dieta sbagliata, infatti, abbiamo il temutissimo effetto yo-yo, che porta a riprendere in pochissimo tempo tutto il peso perso, magari con qualche interesse. Un regime fatto di sole privazioni non può essere sopportato a lungo: non appena ci si stanca, infatti, si torna a mangiare di più, con un conseguente effetto fisarmonica.
 
Una dieta lacunosa, sbilanciata e monotona porta infatti a perdere acqua e massa muscolare, invece di diminuire, come sarebbe indispensabile, la massa grassa: pur essendo infatti sceso il peso della persona, aumenta la percentuale di grasso corporeo.
 
 

2. Le diete monotone e povere danneggiano il tuo aspetto esteriore

Una dieta povera di nutrienti potrebbe avere l'effetto opposto a quello desiderato: tra le conseguenze di una dieta fai-da-te potrebbero anche esserci la perdita di vigore e luminosità di pelle e capelli, che diventano secchi e spenti a causa del mancato apporto dvitamina B6, fondamentale per la creazione della cheratina, e di zinco, presente nella verdura, negli spinaci, nei semi e nelle arachidi, nella zucca e nei germogli di grano.

Altra "vittima" può essere la pelle che perde luminosità: la carenza di vitamina A, C ed E porta a un lento, ma progressivo deperimento dell'epidermide, così come anche una carenza di vitamine del gruppo B, presenti in carne, pesce, latte e yogurt.

 

IHY_Dieta_vacanze_Dieta-fai-da-te_Danni_ingrassamento_yo-yo

 

3. Le diete fai-da-te rallentano il metabolismo

Non mangiare o mangiare porzioni minuscole sono errori classici delle diete fai-da-te: ridurre drasticamente ed eccessivamente le calorie introdotte e ignorare la fame stressano talmente l'organismo che questo recepisce un messaggio sbagliato. 

Il corpo pensa quindi sia necessario rallentare il consumo di energia per compensare l'assenza di cibo: il rischio è pertanto di rendere il metabolismo lento, portandolo a non bruciare quanto dovrebbe e a non perdere il peso sperato.

 

4. Le diete fai-da-te danneggiano la salute fisica e mentale

Importante ricordarsi che, come suggerisce l'etimologia stessa della parola, la dieta deve corrispondere ad uno stile di vita e non ad un forte stress episodico mirato a ottenere tutto e subito. 

Quando si priva bruscamente l'organismo di alcuni nutrienti essenziali, incrementa il rischio di sviluppare disturbi del comportamento o squilibri patologici. Tra questi: malnutrizione, disturbi del sonno e della respirazione, senso di affaticamento e mal di testa, crampi muscolari e perdita di densità ossea. 

Non va sottovalutato nemmeno l'impatto psicologico di una dieta con un regime alimentare così rigido sull'organismo: una dieta fatta di rinunce, sacrifici e privazioni è tutt'altro che piacevole. Spesso, infatti, tra i motivi che portano ad abbandonare una di queste diete, abbiamo anche l'insostenibilità di un pessimo umore prolungato. Meno zuccheri e carboidrati fanno infatti calare l'ormone della serotonina, aumentando stanchezza, irritabilità e depressione. 

 

5. Il rischio "Dieting", ovvero la dipendenza da dieta

Un rischio inaspettato può essere quello di diventare dipendenti dalla dieta, passando da un regime restrittivo all'altro per raggiungere un ideale estetico e fisico impossibile. Il cosiddetto "Dieting" costituisce un vero e proprio disturbo psicologico e alimentare che spinge chi è solito alternare trasgressione e restrizione in un circolo vizioso. 

Decidere di propria spontanea volontà di seguire una dieta solo perché consigliata da qualche influencer o qualche opinionista televisivo può rivelarsi una mossa controproducente proprio perché spesso responsabile di scompensi. L'effetto dieting cos'è se non l'ossessione per queste diete e il continuo ricorrere ad esse nella speranza di trovare prima o poi quella miracolosa? 

Perché compromettere la propria salute per seguire quella che alla fine non è altro che una moda? Tornare in forma è possibile, ovviamente con impegno, pazienta e soprattutto affiancati da un professionista della salute. 

 

6. Come tornare in forma dopo le vacanze in modo sano

Lo ribadiamo: la dieta è una terapia e va prescritta da uno specialista. uh Possiamo però sfruttare qualche suggerimento generale per disintossicare l'organismo dagli stravizi delle feste e tornare in forma. Ecco qualche consiglio utile:

  • fissare obiettivi realistici per un percorso graduale che renda il dimagrimento duraturo;
  • sostituire le bevande effervescenti, quelle a base di caffeina, teina, alcool, i cibi unti, grassi e dolci con tanta acqua minerale naturale e lo spuntino a base di gelato, pizzette o panini con frutta, yogurt magro o alcune mandorle e noci;
  • ridurre il consumo e l'utilizzo di sale e condimenti e scegliere l’olio extravergine d’oliva, in particolare crudo;
  • mangiare alimenti di tutti i gruppi nutrizionali, privilegiando frutta, verdura e proteine (soprattutto legumi, pesce e carni magre) ma non privandosi di nulla;
  • concedersi uno strappo alla regola di tanto in tanto;
  • dormire con regolarità il giusto numero di ore per recuperare i ritmi regolari e ritornare in forma.

Speriamo dunque di avervi offerto spunti utili per affrontare al meglio questo ritorno. Volete tornare in forma dopo queste vacanze invernali? Consultate uno specialista e lasciatevi guidare da lui e dalla sua esperienza. 

 

Per approfondire questo e altri argomenti e ricevere articoli simili, non dimenticare di iscriverti alla nostra newsletter!

IHY_Newsletter


iscrizione-community-ihealthyou-facebook