<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=2062155644083665&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

9' di lettura

La bronchite è l'infiammazione della mucosa bronchiale che più frequentemente si presenta nella forma acuta, associata a tosse profonda che si sviluppa durante un'infezione delle vie respiratorie superiori, di solito di origine virale, che si espande poi al tratto bronchiale.

Nella donna in gravidanza, la bronchite può destare preoccupazione anche per la salute del nascituro. Durante la gravidanza viene raggiunto e mantenuto un delicato equilibrio immunologico, in cui il sistema immunitario della madre tollera il feto pur mantenendo la competenza immunitaria contro gli agenti esterni. Tuttavia, questo equilibrio immunitario può rompersi in caso di infezioni virali (come avviene anche per la bronchite) e pertanto la futura mamma deve prontamente fare riferimento al proprio medico per gestire al meglio la bronchite.

In questo articolo approfondiamo alcuni aspetti relativi proprio alla bronchite in gravidanza.

1    Quali sono i rischi legati alla bronchite in gravidanza?
2    Quali farmaci si possono assumere in gravidanza per curare la bronchite?
3    Quali sono i rischi legati all'assunzione di farmaci per la bronchite in gravidanza?
4    Vi sono rimedi naturali per evitare l'uso di farmaci per curare la bronchite durante la gravidanza?

 

Bronchite-gravidanza.002

 

1. Quali sono i rischi legati alla bronchite in gravidanza?

La bronchite è nella maggior parte dei casi una patologia che ha una risoluzione fisiologica, ovvero guarisce senza la necessità di assumere farmaci in 3 o 4 settimane. La donna in gravidanza deve porre molta attenzione al rischio di complicanze e alla possibile sovrainfezione batterica in seguito ad una virale.

Sono in particolare due i rischi e le complicanze a cui va incontro la donna in gravidanza:

  • Travaglio prematuro o perdita di gravidanza
    Oltre alla polmonite e ad altri problemi polmonari, le infezioni virali possono anche aumentare il rischio di travaglio e parto prematuri (spesso a causa delle infezioni secondarie che seguono l'infezione virale).

    Questo avviene per due motivi principali:
  1. il livello di ossigeno nella madre diminuisce (ipossia), determinando una minore quantità di ossigeno al nascituro che va in sofferenza fetale;
  2. alcune infezioni batteriche (che possono seguire un'infezione virale) possono aumentare direttamente il rischio di travaglio prematuro.

Sebbene non siano stati esaminati in molti studi, questi due motivi (ipossia o effetto batterico diretto) potrebbero anche aumentare il rischio di aborto spontaneo.

 

  • Infezioni congenite
    Sebbene le infezioni virali che portano alla bronchite raramente siano causa di infezioni congenite (infezioni che colpiscono i bambini e possono portare a problemi come difetti alla nascita), è importante non escludere questo rischio e non sottovalutare la possibilità che la donna subisca altre sovrainfezioni virali poichè alcuni virus, come l'herpes simplex, il citomegalovirus, possono essere associati a problemi di salute alla nascita.

In ogni caso, è molto raro che vi siano in gravidanza complicazioni legate alla bronchite. Può accadere più frequentemente in presenza di altri fattori di rischio come:

  • tabagismo;
  • asma;
  • Sars-Cov-2;
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Si consiglia di effettuare il vaccino antinfluenzale anche in gravidanza per prevenire l’insorgenza di patologie del tratto respiratorio e le possibili complicanze.

 

Bronchite-gravidanza.001

 


2. Quali farmaci si possono assumere in gravidanza per curare la bronchite?


In gravidanza è generalmente consigliato l’uso del paracetamolo per abbassare la febbre, ridurre l’infiammazione e come antidolorifico. Il paracetamolo è un farmaco perfettamente tollerato dalle donne in attesa e non ha effetti sul feto.

Tra gli antibiotici, l’amoxicillina e l’ampicillina (penicilline) sono i medicinali che possono essere somministrati in gravidanza e in allattamento, naturalmente dietro parere medico.

Resta la necessità di consultare il ginecologo prima di assumere qualsiasi terapia nel caso si sospetti una gravidanza o essa sia già conclamata.

Il trattamento per la bronchite prevede in generale una terapia sintomatica con farmaci quali:

  • sedativi della tosse;
  • antifebbrili (per ridurre la temperatura corporea in caso di febbre);
  • fluidificanti (per il muco);
  • antidolorifici;
  • antibiotici (nei rari casi di sovrainfezione batterica).

 

Sebbene molti di essi siano farmaci che non prevedono ricetta medica, hanno controindicazioni in gravidanza, pertanto si sconsiglia vivamente il "fai da te" e di valutare attentamente la terapia con il proprio medico.


3. Quali sono i rischi legati all'assunzione di farmaci per la bronchite in gravidanza?

I foglietti illustrativi indicano se un farmaco è controindicato in gravidanza e i possibili effetti collaterali nella popolazione generale. In linea generale, farmaci che non sono stati testati su una popolazione di donne in gravidanza, vengono sconsigliati o si esplicita la necessità di parere medico.

Il rischio legato ai farmaci in generale, quindi anche a quelli che possono essere prescritti per i sintomi della bronchite, è legato al possibile passaggio del principio attivo dalla mamma al feto attraverso la placenta. Il feto non ha ancora raggiunto uno sviluppo fisico sufficiente per essere in grado di metabolizzare sostanze chimiche, pertanto molti farmaci potrebbero causare danni al bambino.

Ad esempio, farmaci antinfiammatori (non steroidei) sono spesso indicati per la gestione dei sintomi della bronchite e sembrano essere tra i farmaci più utilizzati dalle donne in gravidanza. Diversi studi hanno riportato un aumento del rischio di aborto spontaneo associato all'uso di farmaci antinfiammatori durante la gravidanza, poichè sembrano interferire con il corretto impianto embrionale.

Per quanto riguarda l’assunzione di farmaci, se si seguono le Linee guida dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e le indicazioni del proprio curante, si possono limitare e gestire le possibili reazioni avverse ai farmaci.

Qualora vi sia la necessità di un ricovero ospedaliero per un aggravamento della sintomatologia della bronchite, sarà necessario far presente al personale sanitario lo stato di attesa e questo verrà tenuto in conto nella gestione della terapia.

 

Bronchite-gravidanza.004

 


4. Rimedi naturali per evitare l’utilizzo di farmaci in gravidanza per curare la bronchite

Alcuni rimedi naturali possono aiutare la donna a percepire un sollievo dai sintomi della bronchite, evitando così l’assunzione dei farmaci sintomatici.
Tra questi:

  • suffumigi con acqua calda o oli essenziali;
  • bere molto e soprattutto bevande calde;
  • umidificare l’ambiente;
  • fare frequenti lavaggi nasali;
  • cure termali.

Di fondamentale importanza resta la necessità di consultare il medico o il farmacista prima di assumere qualsiasi rimedio, anche naturale. Ciò in quanto, nonostante siano considerati privi di qualsiasi rischio, spesso non è così. A tal proposito si consiglia la lettura dell’articolo dedicato.



Fonti

1    PrabhuDas M, Piper JM, Jean-Philippe P, Lachowicz-Scroggins M. Immune Regulation, Maternal Infection, Vaccination, and Pregnancy Outcome. J Womens Health (Larchmt). 2021 Feb;30(2):199-206
2    Bronchitis. (Ultimo accesso 17/12/2021)
3    Laibl V, Sheffield J. The management of respiratory infections during pregnancy. Immunol Allergy Clin North Am. 2006;26(1):155-viii.
4    Silasi M, Carenas I, Kwon JY, et al. Viral infections during pregnancy. Am J Reprod Immunol. 2015;73(3):199-213
5    lbert RH. Diagnosis and treatment of acute bronchitis. Am Fam Physician. 2010 Dec 1;82(11):1345-50. PMID: 21121518.
6    Per TE e Per ME, Mamma. Guida al corretto uso di farmaci in gravidanza.  (Ultimo accesso 17/12/2021)
7    Bronchitis. (Ultimo accesso 17/12/2021)
8    Indicazioni ad interim su “Vaccinazione contro il COVID-19 in gravidanza e allattamento” (Ultimo accesso 17/12/2021)
9    Li DK, Ferber JR, Odouli R, Quesenberry C. Use of nonsteroidal antiinflammatory drugs during pregnancy and the risk of miscarriage. Am J Obstet Gynecol. 2018 Sep;219(3):275.e1-275.e8
10  FAQ - Influenza e vaccinazione antinfluenzale. (Ultimo accesso 17/12/2021)
11   Preventing and Treating Bronchitis. (Ultimo accesso 17/12/2021)


Chiara Mossali
Autore

Chiara Mossali

Medical writer e consulente in ambito healthcare. Laureata in Biotecnologie. Esperienza nell’ambito della ricerca di laboratorio e nella ricerca clinica. Da circa 10 anni mi occupo di comunicazione e consulenza nel settore healthcare curando progetti e contenuti per medici e pazienti.

iscrizione-community-ihealthyou-facebook